Un passo avanti nella modellazione HEC‑RAS 2D e nella visualizzazione 3D

GeoHECRAS permette di ridurre i tempi di creazione e di revisione dei modelli HEC‑RAS in modo significativo, con migliori risultati e maggiore precisione. Permette di realizzare modelli HEC‑RAS da numerose fonti di dati. È possibile accelerare il workflow di progettazione e ottimizzare il processo di revisione delle analisi.

GeoHECRAS 2D

Un passo avanti nella modellazione HEC‑RAS e nella visualizzazione 3D

Oltre alle funzionalità già disponibili in GeoHECRAS, la versione 2D del software include anche le seguenti:

Mesh 2D adattativa

Oltre alla mesh computazionale 2D di default disponibile in HEC-RAS, composta da elementi di forma rettangolare (strutturata), il software può creare una mesh adattativa per rappresentare al meglio condizioni di deflusso 2D più complicate ed eventuali strutture. Il software rifinirà in automatico la mesh 2D dove è necessario, come per esempio in corrispondenza dell’apertura di un ponte.
Mesh 2D adattativa

Aree di impronta delle strutture nella mesh 2D

È possibile inserire le pile dei ponti all’interno della mesh 2D mediante la loro area d’impronta, che può avere le seguenti forme:

  • Pilone circolare
  • Pilone rettangolare con estremità arrotondate
  • Pilone rettangolare con estremità a spigolo vivo
  • Pilone rettangolare con estremità squadrata
  • Pilone quadrate

I piloni possono essere ruotati e posizionati sulla mappa in maniera interattiva.
Aree di impronta delle strutture nella mesh 2D

Aree inefficaci 2D

Le aree inefficaci possono essere assegnate alla mesh 2D mediante polilinee o poligoni. In alternativa, possono anche essere disegnate direttamente sulla mappa. Per esempio, delle aree stagnanti nei pressi dei ponti possono essere inserite nella mesh 2D per tener conto del loro comportamento come area inefficace. Il software provvederà in automatico a rifinire le aree di deflusso 2D per incorporare la sagoma dell’area inefficace.
Aree inefficaci 2D

Ostruzioni al deflusso 2D

Le ostruzioni al deflusso possono essere assegnate alla mesh 2D mediante polilinee o poligoni. In alternativa, possono anche essere disegnate direttamente sulla mappa. Per esempio, edifici e altre strutture possono essere inseriti nella mesh 2D come ostruzioni per tener conto del fatto che essi bloccano il deflusso. Il software provvederà in automatico a rifinire le aree di deflusso 2D per incorporare la sagoma dell’ostruzione.
Ostruzioni al deflusso 2D

Correzione automatica di elementi errati nella mesh 2D

HEC-RAS genera delle mesh 2D contenenti delle celle indicate come “errate”, che in quanto tali richiedono una correzione, che l’utente deve effettuare manualmente. GeoHECRAS individua e corregge in automatico questi elementi errati, senza che l’utente della provvedere manualmente.

Correzione automatica di elementi errati nella mesh 2D

Memorizzazione modifiche utente alla mesh 2D

Durante la modifica della mesh 2D mediante l’aggiunta e lo spostamento di elementi, oltre alle altre operazioni di modifica, il software memorizza tutte queste operazioni. Quindi, non appena la mesh 2D viene ricostruita, queste modifiche apportate dall’utente vengono incorporate in essa.
Memorizzazione modifiche utente alla mesh 2D

Assegnazione di dati di uso del suolo come scabrezza di Manning

È possibile assegnare poligoni di uso del suolo e/o dati del National Land Cover Database (NLCD) come scabrezza di Manning delle sezioni o delle aree 2D. Il software può scaricare in maniera dinamica una griglia raster del NLCD per l’area in progetto. Ogni cella di dimensione 75 x 75 piedi della griglia raster rappresenta uno specifico tipo di suolo. Sono disponibili fino a 20 diversi tipi di suolo con i corrispondenti valori di scabrezza di Manning.
Assegnazione di dati di uso del suolo come scabrezza di Manning

Mappe di rischio di esondazione

È possibile creare mappe di rischio di esondazione in 2D, che includono:

  • Ora di arrive della piena
  • Tirante x velocità
  • Tirante x velocità²
  • Durata della piena
  • Ora di ritiro della piena
  • Tempo, in percentuale, della simulazione durante il quale l’area è esondata
  • Velocità

Mappe di rischio di esondazione

Mappe di esondazione animate

Per modelli in moto vario, la mappa di esondazione può essere animate per mostrare come cambia nel tempo. La velocità dell’animazione può essere regulate, ed essa può essere anche messa in loop. L’animazione può anche essere registrata come video. Oltre alle opzioni di animazione, sono disponibili anche quelle per la visualizzazione dell’estensione massima e minima della piena.
Mappe di esondazione animate

Mappatura dei vettori di velocità

È possibili rappresentare i vettori di velocità sulla mappa di esondazione sia per fiumi 1D che per aree di deflusso 2D. La lunghezza dei vettori è impostata in modo tale da rappresentare la velocità in quel punto. La mappatura può essere effettuata sia per modelli in moto permanente che in moto vario.
Mappatura dei vettori di velocità

Mappatura del tracciamento delle particalle

È possibile rappresentare le particelle in movimento sulla mappa di esondazione, sia per fiumi 1D che per aree di deflusso 2D. La dimensione e la velocità della particella sono impostate in modo tale da rappresentare la velocità in quel punto. La mappatura può essere effettuata sia per modelli in moto permanente che in moto vario.
Mappatura del tracciamento delle particalle

Mappa animate in Google Earth

È possibile esportate le mappe animate in Google Earth. Questo è molto utile per conferenze sulla mitigazione del rischio idraulico o sulla gestione delle piene.
Mappa animate in Google Earth

Contatta noi

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.